CASTELLO DI AMA

L'APPARITA ROSSO DI TOSCANA MERLOT IGT

Bottiglia
Anno

Confezione da 6

CHF 930.00

L’Apparita non ha bisogno di presentazioni. Primo Merlot in purezza prodotto in Toscana, è diventato fin da subito (prima annata, il 1985) un vino culto a livello mondiale, insignito nelle varie annate, di premi e riconoscimenti internazionali.

Si presenta di un impenetrabile color rosso porpora carico con riflessi violacei.

I sentori al naso sono fruttati, con prevalenza di mora, e speziati con ricordi di pepe nero e ginepro.

In chiusura un ritorno balsamico frammisto a note leggermente vanigliate.

Al palato è morbido e intenso, ottima freschezza che conduce ad un finale potente e molto persistente. Di grande eleganza.

Vitigno: Merlot 100%.

Temperatura di servizio: 18-20°C.

Gradazione alcolica: 13.5% vol.

Abbinamenti: Carne arrosto-grigliata, carne rossa in umido, Selvaggina.

Bicchiere: Calice ampio.

Sappiamo che per fare un grande vino ci vogliono grandi uve e queste ci sono e vengono coltivate sulla sommità del Vigneto Bellavista, ad una altitudine di 490 metri s.l.m., dove si apre la vigna L’Apparita, un vero e proprio Cru (come direbbero i francesi) per poco meno di 4 ettari.

Il terreno calcareo, particolarmente ricco di argilla, e l'esposizione favorevole fanno di questo piccolo agro un gioiello dell’enologia mondiale. La parte agronomica è seguita maniacalmente e la data di vendemmia è stata stabilita dopo numerose campionature analizzate organoletticamente in vigna e in laboratorio. La raccolta è avvenuta in modo rigorosamente manuale, in cassette da 10/12 kg (per preservare l'integrità degli acini) che sono poi passate su un "tavolo di scelta" per un'ulteriore selezione.

La fermentazione è indotta da lieviti indigeni in vasche di acciaio a temperatura controllata tra i 30° e i 33°C, con rimontaggi manuali e una permanenza complessiva (cuvaison) pari a 25 giorni. Dopo la svinatura, il vino è passato in barriques per effettuare la fermentazione malolattica che conferisce, tradizionalmente, più stabilità (per l'invecchiamento) e anche più rotondità al vino.

Affinamento: al termine della fermentazione malolatttica, il vino è ritornato in barriques di rovere a grana fine per il 50% nuove e per il resto di "secondo passaggio", per circa 18 mesi. Nel calice si presenta color rubino intenso e profondo. Il quadro olfattivo offre sensazioni floreali di ginepro, piccoli frutti rossi maturi e sentori speziati dolci. All’assaggio si rivela elegante, avvolgente e fresco, dal finale persistente. Intensità e finezza, con prospettive di longevità veramente a lungo termine. Uno spettacolo!