Eruzione 1614 Carricante Bianco DOC

1 Recensioni
Bottiglia
Anno

Confezione da 6

CHF 174.00

Tipo di vino

Bianchi

Stile

Non Barricato

Aromi

Profumi di frutti maturi e carica aromatica di fiori bianchi

Vitigno

90% Carricante
10% Riesling

Origine

Sicilia, Italia

Grado alcolico

13.5%

Disponibilità

Disponibilità immediata


Scheda tecnica:

Denominazione

DOC

Paese

Italia

Regione

Sicilia

Vitigno

90% Carricante
10% Riesling

Terreno

Minerale

Affinamento

In vasche d'acciaio inox

Gusto

Morbido e grintoso con una bevibilità ricca di un fruttato sincero di scorza di limoni e mela verde

Aroma

Profumi di frutti maturi e carica aromatica di fiori bianchi

Colore

Giallo paglierino

Abbinamenti

Pesce, Antipasti

Alcol

13.5%

Filosofia

Produzione Integrata

Temperatura di servizio

10-12°C

Longevità

7-10 anni

Solfiti

Contiene solfiti

Cantina

PLANETA

Descrizione:

Un nome fortemente evocativo per il nostro Cru dell’Etna; Eruzione 1614 Carricante Bianco con una piccola aggiunta di Riesling. Terre nere in altitudine conferiscono uno stile fresco, sapido e minerale. La storia dell’Etna è costellata da storiche eruzioni che ne hanno plasmato la forma. Leggendaria quella del 1614, durata 10 anni, la più lunga di tutti tempi, arrestatasi proprio al confine dei vigneti di Sciaranuova. 

Presenta un colore giallo quasi pallido con riflessi verde chiaro, dorato molto tenue non fa che presagire l’esplosione di profumi di frutti maturi e la carica aromatica di fiori bianchi che magicamente trasportano il degustatore alle pendici della montagna etnea.

Anche al palato il vino riesce a coniugare morbidezza e grinta gustativa con una bevibilità ricca di un fruttato sincero di scorza di limoni e mela verde legati ad una mineralità trascinante che ne allunga il finale.

Straordinario compagno di piatti a base di pesce di una certa grassezza e comunque ideale per qualunque idea gastronomica pensata in riva al mare.

Le uve, raccolte in cassa, vengono subito refrigerate ad 8 °C; selezionate a mano e inviate ad una leggera pigiadiraspatura e a pressatura soffice; il mosto decantato viene travasato e inoculato con lieviti e fermenta a 15 °C, in acciaio inox; il vino così ottenuto rimane sino a marzo sulle fecce fini con continue agitazioni.