0

Il tuo carrello è vuoto

Tatay de Cristóbal Rosso Cile DO

7 Recensioni
Bottiglia
Anno
13 prodotti rimanenti

Confezione da 6

CHF 1'080.00

Tipo di vino

Rossi

Stile

Barricato

Aromi

Frutta nera, terra umida, mirtillo, foglie di tabacco, earl grey e note balsamiche

Vitigno

90% Carmenère
10% Petit Verdot

Origine

Aconcagua Valley, Cile

Grado alcolico

14.5% vol.

Disponibilità

Disponibilità immediata


Premi e riconoscimenti

Premio Annata Risultato
James Suckling 2011 96/100
Robert Parker 2011 92/100
Gilbert Gaillard 2010 93/100
James Suckling 2010 92/100

Scheda tecnica:

Denominazione

DO

Paese

Cile

Regione

Aconcagua Valley

Vitigno

90% Carmenère
10% Petit Verdot

Terreno

Sabbioso e Sassoso

Affinamento

25 mesi in Barrique

Gusto

Perfettamente equilibrato, con grande profondità e persistenza

Aroma

Frutta nera, terra umida, mirtillo, foglie di tabacco, earl grey e note balsamiche

Colore

Rubino purpureo, opaco

Abbinamenti

Carne, Selvaggina e Formaggi

Alcol

14.5% vol.

Filosofia

Produzione Integrata

Temperatura di servizio

18°C

Longevità

15 - 20 anni

Solfiti

Contiene solfiti

Cantina

VIÑA VON SIEBENTHAL

Descrizione:

Nell'interconnessione simbolica tra Cristóbal (Colombo) e il concetto di "Tatay", che significa antenato nella lingua mapuche, si manifesta un cerchio simbolico intrigante e profondo. Qui, Cristóbal, figura emblematica del Vecchio Mondo, trova un legame radicale con il Nuovo Mondo, rappresentato dalla saggezza degli antichi mapuche. Questa circolarità non solo evoca il fluire costante della vita, ma anche sottolinea la nostra innata e condivisa discendenza dalla Terra stessa.

Le radici di Tatay de Cristóbal affondano in un suolo ricco e fertile, dove l'alluvione, il calcare e la torba si mescolano armoniosamente, conferendo al vino un'essenza profonda e autentica. Questo terreno nutriente, permeato di storia e tradizione, si traduce in un vino che va oltre il semplice prodotto enologico, incarnando piuttosto un'esperienza sensoriale che risveglia antichi ricordi e collegamenti primordiali.

Il vino si rivela come un mistero avvolto in una bottiglia, una sinfonia di sapori e aromi che invitano a un viaggio attraverso i secoli e le culture. Ogni sorso rivela strati di complessità e significato, offrendo un'esperienza unica e coinvolgente che esplora le profondità della storia e della terra stessa.

Questo autentico fauno del terroir di Panquehue, con le sue radici saldamente ancorate nella terra, si erge come uno dei più straordinari vini mai prodotti in Cile. La sua personalità vibrante e la struttura impeccabile sono il risultato di secoli di passione, dedizione e cura del terreno, trasformando ogni bottiglia in un tesoro da apprezzare e condividere.

Con il suo colore rubino purpureo, opaco e misterioso, il vino cattura lo sguardo e l'immaginazione, invitando a un viaggio sensoriale attraverso gli aromi e i sapori più intensi. Le note di frutta nera, terra umida, mirtillo, foglie di tabacco, earl grey e accenti balsamici si intrecciano armoniosamente, creando una sinfonia olfattiva che anticipa il piacere del primo sorso.

In bocca, il vino si rivela perfettamente equilibrato, con una profondità e una persistenza che catturano l'attenzione e deliziano i sensi. Ogni sorso è un'esperienza straordinaria, un viaggio attraverso la storia e la natura stessa, che si conclude con un finale lungo e appagante.

Questo vino straordinario è il compagno perfetto per una vasta gamma di piatti, dalle carni succulente alle selvaggina più raffinate, fino ai formaggi più pregiati. La sua versatilità e complessità lo rendono un complemento ideale per ogni occasione, arricchendo ogni pasto con la sua presenza magnetica e indimenticabile.


Premi e riconoscimenti

Premio Annata Risultato
James Suckling 2011 96/100
Robert Parker 2011 92/100
Gilbert Gaillard 2010 93/100
James Suckling 2010 92/100